Vita lunare: come sarebbe la vita sulla Luna?

Il compianto Stephen Hawking affermò che la colonizzazione lunare era potenzialmente l'unica cosa che ci salvava da noi stessi”. Nel frattempo, altri credono che la Terra sia destinata a diventare inabitabile nella nostra vita, lasciando agli esseri umani la scelta di spostarsi sulla Luna.

In entrambi i casi, la vita lunare sembra che potrebbe essere all'orizzonte—ma come funziona tutto ciò? Il casinò online* di Betway ha unito le menti migliori per capire quanto pratica, o almeno possibile, sarebbe la vita sulla Luna.

Condizioni di vita lunari 

Mentre gli ambientalisti spingono per un'azione urgente per salvare il nostro pianeta, alcune persone guardano oltre la Terra stessa. Il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, tiene d'occhio la Luna, dedicando una delle sue altre società allo scopo di dare il via alla colonizzazione spaziale. Le temperature in rapido aumento stanno causando lo scioglimento delle calotte glaciali del mondo, portando a eventi climatici più drastici in tutto il mondo. Onde di calore e uragani diventeranno più comuni, facendo sciogliere le lastre di ghiaccio rimanenti del mondo ancora più velocemente. Ciò accadde migliaia di anni fa, innalzando il livello del mare di 30 piedi; se questo dovesse accadere oggi, potremmo assistere a gravi inondazioni nelle principali città, tra cui New York e Londra.

La Luna ha diverse riserve di ghiaccio nel polo sud e una temperatura di 0 ° C relativamente stabile. Mentre questo sembra intensamente freddo, la maggior parte delle altre aree sulla Luna oscilla tra una media diurna di 123 ° C e -190 ° C di notte. La mancanza di atmosfera e condizioni meteorologiche richiede anche una protezione dalle radiazioni solari, nonché frequenti incidenti meteorici, che causano ogni anno 300 tonnellate di perdite d'acqua.

Qualsiasi rifugio dovrebbe essere costruito dalle risorse disponibili. La regolite lunare - una sottile polvere di luna - è simile alla sabbia vulcanica della Terra e può essere trasformata in mattoni attraverso un processo chiamato sinterizzazione a microonde. Ciò richiede la luce solare concentrata o laser per unire i materiali, creando mattoni ad incastro tipo Lego che offrono una protezione naturale dalle radiazioni.

Tuttavia, indipendentemente dal modo in cui sono stati costruiti gli edifici, non puoi tecnicamente possedere terreni sulla Luna, nonostante molte aziende affermino di vedere immobili lunari. Il Trattato sullo spazio esterno del 1967 afferma che nessuna parte della Luna può essere di proprietà di nazioni sovrane, il che significa che i governi non possono garantire i diritti di proprietà lunari. La soluzione più logica suggerita è uno schema di licenze, che riconosce le strutture fisiche sulla Luna come proprietà privata, non la terra sottostante stessa.

media

La realtà della vita sulla Luna

Ogni persona consuma dai 500 ai 850 kg di cibo ogni anno, ma sulla luna avremmo bisogno di assumere ancora più nutrienti per mantenere una giusta dieta. Semplicemente essere sulla superficie lunare, infatti, consuma 300 calorie all'ora, tre volte il valore registrato sulla Terra. Avremmo bisogno di ancora più energia per fare un allenamento al giorno, della durata di due ore e mezza, per mantenere la giusta massa ossea, la forza muscolare e le prestazioni del cuore di fronte ai bassi livelli di gravità della Luna, pari a circa un sesto a quelli della Terra 

È anche quasi impossibile coltivare cibo nell'atmosfera della Luna, anche se gli scienziati stanno progettando modi per aggirare questo problema. Se tutti i prodotti chimici necessari per coltivare la vegetazione fossero trasportati dalla Terra, i rifiuti umani (inclusa l'anidride carbonica prodotta dal respiro) potrebbero sostituirli con il prossimo ciclo di piante. Sebbene teoricamente possibile, avremmo bisogno di 230kg di cibo, o di prodotti chimici, per cominciare il ciclo di 'vita' di un determinato prodotto sulla Luna. 230 kg di cibo per persona.

Oltre a padroneggiare questo processo, dovremmo prepararci per i raggi cosmici ad alta energia a cui il nostro cibo sarebbe esposto. Una soluzione potrebbe essere quella di creare una serra lunare, che esisterebbe sottoterra. Ciò proteggerebbe le colture dalle radiazioni nocive e userebbe la coltura idroponica per proteggerle dalle sostanze chimiche nocive nel suolo lunare. Tuttavia, avremmo bisogno di difesa anche da questa minaccia. Le radiazioni solari potrebbero causare danni degenerativi ai tessuti, aumento del rischio di cancro e danni al sistema nervoso centrale, pertanto gli scudi protettivi non sarebbero negoziabili per ogni abitante.

In apparenza, la polvere lunare sembra banale, ma è una preoccupazione estremamente significativa: Gene Cernan, l'ultimo uomo sulla Luna, l'ha definita l'unica barriera per le spedizioni future. Tutti i 12 astronauti dell'Apollo hanno sofferto del cosiddetto "raffreddore da rinite lunare" dopo le loro missioni. La polvere di stelle irrita i loro occhi, le narici e i polmoni, ma porterebbe a un'esposizione a lungo termine per gli abitanti, che potrebbe distruggere i loro polmoni e le cellule cerebrali.

 

*Si prega di essere consapevoli del fatto che questo link vi rimanderà al sito scommesse

 

Poker is restricted in your country

Please visit one of our other sites to play

sports

Check the Best Live Odds

Bet

live casino

Play with real people

Play